L'ostaggio delle muse

10,57

“I suoi libri rivelano un magistero espertissimo con strofe e versi di eccellente fattura, e componenti di originale ispirazione”. Carlo Betocchi

1000 disponibili

COD 027A Categorie ,

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Descrizione

Un’indagine profonda sulla materia umana. Dalle parole dell’autore: “Qui consegno i resti di un’operazione iconoclasta, temeraria e altera: ridurre testi di poesia, già tradotti, a pretesto e materia di una più alta demiurgia ri-creatrice. Mallarmeana celebrazione ardente del mestiere, edipica uccisione della mostruosità sacra del padre. Tutto questo e di più: il prodigio di Paracelso che brucia una rosa e la fa risorgere dalle sue ceneri fredde per virtù d’una parola detta a bassa voce. Cento poeti restituiti a se stessi attraverso il filtro divorante e trasfigurante della mia anima, sposa atterrita e affascinata del Verbo. E se fosse vero, a credere Nina Cassian, che riposeremo in eterno come un grande paio di occhiali severi e freddi sulla copertina d’un libro di favole, è sulla copertina di questo libro che vorrei riposare”.

Giuseppe Centore è nato a Capua il 16 aprile 1932. Sacerdote, già direttore del Museo Campano e dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose della stessa città, conta al suo attivo venti pubblicazioni in prosa e circa trenta in poesia. Notevoli, per quanto riguarda le composizioni poetiche, sono le rapsodie dedicate ai maestri della civiltà poetica del ‘900 e la trilogia Lettura poetica dell’ebraismo. Tradotto i spagnolo, russo, francese e rumeno è a sua volta traduttore del Cantico dei cantici, delle Poesie di S. Giovanni della Croce e del Cimitero marino di Valéry. La sua poesia è ritenuta “di indubbia risonanza universale” (Gherardo Del Colle) e “atteint à une ampleur et à une portée universailles” (René Mejéan).

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

ISBN

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’ostaggio delle muse”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Descrizione

Un’indagine profonda sulla materia umana. Dalle parole dell’autore: “Qui consegno i resti di un’operazione iconoclasta, temeraria e altera: ridurre testi di poesia, già tradotti, a pretesto e materia di una più alta demiurgia ri-creatrice. Mallarmeana celebrazione ardente del mestiere, edipica uccisione della mostruosità sacra del padre. Tutto questo e di più: il prodigio di Paracelso che brucia una rosa e la fa risorgere dalle sue ceneri fredde per virtù d’una parola detta a bassa voce. Cento poeti restituiti a se stessi attraverso il filtro divorante e trasfigurante della mia anima, sposa atterrita e affascinata del Verbo. E se fosse vero, a credere Nina Cassian, che riposeremo in eterno come un grande paio di occhiali severi e freddi sulla copertina d’un libro di favole, è sulla copertina di questo libro che vorrei riposare”.

Giuseppe Centore è nato a Capua il 16 aprile 1932. Sacerdote, già direttore del Museo Campano e dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose della stessa città, conta al suo attivo venti pubblicazioni in prosa e circa trenta in poesia. Notevoli, per quanto riguarda le composizioni poetiche, sono le rapsodie dedicate ai maestri della civiltà poetica del ‘900 e la trilogia Lettura poetica dell’ebraismo. Tradotto i spagnolo, russo, francese e rumeno è a sua volta traduttore del Cantico dei cantici, delle Poesie di S. Giovanni della Croce e del Cimitero marino di Valéry. La sua poesia è ritenuta “di indubbia risonanza universale” (Gherardo Del Colle) e “atteint à une ampleur et à une portée universailles” (René Mejéan).

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

ISBN

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’ostaggio delle muse”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PRODOTTI CORRELATI