Ma cosa vogliono da noi Italiani?

10,57

Critica pungente e sarcastica contro chi la “spara grossa”, in politica e in televisione, quando in molti casi sarebbe più dignitoso rivalutare un’antica virtù: quella del silenzio.

235 disponibili

COD 002L Categorie , ,

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Descrizione

Un testo dedicato a chi non ce la fa più a sopportare certi politicanti, giornalai e scribacchini. A chi butterebbe la tv e si sente perseguitato dai soliti slogan e pubblicità. Con spiccato sarcasmo, Ardizzone racconta aneddoti di vita quotidiana che in molti hanno vissuto almeno una volta e di cui, volentieri, farebbero a meno. Si parte dal “Grande Fratello” fino ai manifesti di sinistra, arrivando persino alle auto in doppia fila e agli assenteisti di brunettiana memoria. Se dall’estero arrivano critiche agli Italiani, è perché in pochi sanno cosa significa vivere oggi nel Bel Paese: ogni giorno è una sfida e “tirare avanti” a ogni costo è l’unica soluzione.

Vittorio E. Ardizzone, economista e scrittore, compie tutta la carriera in Banca d’Italia e, con il grado di condirettore centrale, consegue importanti risultati nella progettazione e changeover dell’euro, rappresentando l’Italia presso la BCE. Dal 2002 svolge autonoma attività professionale nel settore economico-bancario, anche con incarichi istituzionali. Scrive articoli di contenuto creditizio, gestionale e politico su vari quotidiani nazionali. Ha pubblicato, per l’Editoriale Pantheon, “Berlusconi. Breve guida per odiarlo meglio. O no?” e “Vezzi e vizi dell’era berlusconiana”.

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

Anno

ISBN

Contributi

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ma cosa vogliono da noi Italiani?”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Descrizione

Un testo dedicato a chi non ce la fa più a sopportare certi politicanti, giornalai e scribacchini. A chi butterebbe la tv e si sente perseguitato dai soliti slogan e pubblicità. Con spiccato sarcasmo, Ardizzone racconta aneddoti di vita quotidiana che in molti hanno vissuto almeno una volta e di cui, volentieri, farebbero a meno. Si parte dal “Grande Fratello” fino ai manifesti di sinistra, arrivando persino alle auto in doppia fila e agli assenteisti di brunettiana memoria. Se dall’estero arrivano critiche agli Italiani, è perché in pochi sanno cosa significa vivere oggi nel Bel Paese: ogni giorno è una sfida e “tirare avanti” a ogni costo è l’unica soluzione.

Vittorio E. Ardizzone, economista e scrittore, compie tutta la carriera in Banca d’Italia e, con il grado di condirettore centrale, consegue importanti risultati nella progettazione e changeover dell’euro, rappresentando l’Italia presso la BCE. Dal 2002 svolge autonoma attività professionale nel settore economico-bancario, anche con incarichi istituzionali. Scrive articoli di contenuto creditizio, gestionale e politico su vari quotidiani nazionali. Ha pubblicato, per l’Editoriale Pantheon, “Berlusconi. Breve guida per odiarlo meglio. O no?” e “Vezzi e vizi dell’era berlusconiana”.

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

Anno

ISBN

Contributi

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ma cosa vogliono da noi Italiani?”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PRODOTTI CORRELATI