Gli occhi nel buio

8,11

Un gioco, un’esplosione. Il riscatto di un bambino che sfiora con delicatezza l’anima.

Esaurito

COD 004N Categorie , ,

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Descrizione

Elio è un bambino spavaldo e pieno delle energie tipiche della sua età. Poi, un giorno, scambia un ordigno esplosivo per un gioco. L’amputazione di un braccio e nervi ottici bruciati con un salto nel buio perenne sono una sentenza difficile da inghiottire, e mostrano tutte le brutture di un’epoca. Frequenta, per alcuni anni, l’istituto per i bambini mutilati dalla guerra. Qui apprende il metodo Braille e termina la scuola dell’obbligo. La famiglia, salda e unita, lo cura amorevolmente per farlo vivere sereno nella speranza di una guarigione. La vista non tornerà più, tuttavia Elio farà comunque le sue esperienze e godrà di giorni ed episodi felici.

Elio Mandolini, scrittore e vicepresidente dell’Associazione italiana Ciechi di guerra, ha passato l’infanzia come sfollato nelle Marche, dopo il bombardamento di San Lorenzo, nel 1943. Nel 1945, a soli sette anni, perde la vista e un braccio a causa dello scoppio di un ordigno bellico. Oggi è una persona serena che vive nell’affetto dei suoi familiari e, grazie all’uso del Braille e di un computer con sintesi vocale, scrive racconti e romanzi, raccolti nel 2008 nel volume La panchina solitaria, edito da Ibiskos.

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

ISBN

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Gli occhi nel buio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Descrizione

Elio è un bambino spavaldo e pieno delle energie tipiche della sua età. Poi, un giorno, scambia un ordigno esplosivo per un gioco. L’amputazione di un braccio e nervi ottici bruciati con un salto nel buio perenne sono una sentenza difficile da inghiottire, e mostrano tutte le brutture di un’epoca. Frequenta, per alcuni anni, l’istituto per i bambini mutilati dalla guerra. Qui apprende il metodo Braille e termina la scuola dell’obbligo. La famiglia, salda e unita, lo cura amorevolmente per farlo vivere sereno nella speranza di una guarigione. La vista non tornerà più, tuttavia Elio farà comunque le sue esperienze e godrà di giorni ed episodi felici.

Elio Mandolini, scrittore e vicepresidente dell’Associazione italiana Ciechi di guerra, ha passato l’infanzia come sfollato nelle Marche, dopo il bombardamento di San Lorenzo, nel 1943. Nel 1945, a soli sette anni, perde la vista e un braccio a causa dello scoppio di un ordigno bellico. Oggi è una persona serena che vive nell’affetto dei suoi familiari e, grazie all’uso del Braille e di un computer con sintesi vocale, scrive racconti e romanzi, raccolti nel 2008 nel volume La panchina solitaria, edito da Ibiskos.

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

ISBN

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Gli occhi nel buio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PRODOTTI CORRELATI