Stragi di Stato

16,90 16,05

L’attentato di via Rasella e la strage delle Fosse Ardeatine sono eventi sui quali, a tutt’oggi, non si è ancora fatta chiarezza.

L’autore ripercorre quel periodo documentando con dovizia di particolari i fatti accaduti, analizzando i quali il lettore arriverà alle sue conclusioni. La verità è sempre figlia del tempo.

Condividi:

Descrizione

L’attentato di via Rasella e la strage delle Fosse Ardeatine sono eventi sui quali, a tutt’oggi, non si è ancora fatta chiarezza.

Fu un’azione militare legittima? Fu un atto di eroismo? Domande che da anni innescano una contesa inesauribile tra chi considera «eroi» i protagonisti gappisti e chi, invece, ritiene quell’attentato una scelta sbagliata, che provocò il massacro di 335 innocenti. L’obiettivo di questo saggio è far emergere il più possibile la verità pur avvolta dalla nebbia del mistero. Sono trascorsi ottant’anni da quel 23 e 24 marzo del 1944 e la ferita è sempre aperta, il dolore e il raccapriccio di una strage attuata con inaudita efferatezza e furia vendicativa sono ancora vivi.

L’autore ripercorre quel periodo documentando con dovizia di particolari i fatti accaduti, analizzando i quali il lettore arriverà alle sue conclusioni. La verità è sempre figlia del tempo.

L’AUTORE

Antonio Federico Cornacchia, generale dell’Arma dei Carabinieri, è nato nel 1931. Dopo la laurea in Giurisprudenza ha comandato il Nucleo Investigativo CC di Roma, quale comandante della I Sezione e poi del Nucleo Investigativo stesso. Impegnato nella lotta contro il terrorismo, si è occupato del caso Moro, fino alla macabra scoperta del cadavere in via Caetani, del delitto del Circeo, del caso Pasolini, della banda della Magliana e dell’omicidio Pecorelli. A seguito di continue minacce di morte, fu assegnato al Servizio Segreto Militare SISMI, con il nome in codice di Airone 1. Ha già pubblicato per Armando Curcio Editore Giustizia non fatta (2020) e Uccidete Moro (2021).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Stragi di Stato”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Descrizione

L’attentato di via Rasella e la strage delle Fosse Ardeatine sono eventi sui quali, a tutt’oggi, non si è ancora fatta chiarezza.

Fu un’azione militare legittima? Fu un atto di eroismo? Domande che da anni innescano una contesa inesauribile tra chi considera «eroi» i protagonisti gappisti e chi, invece, ritiene quell’attentato una scelta sbagliata, che provocò il massacro di 335 innocenti. L’obiettivo di questo saggio è far emergere il più possibile la verità pur avvolta dalla nebbia del mistero. Sono trascorsi ottant’anni da quel 23 e 24 marzo del 1944 e la ferita è sempre aperta, il dolore e il raccapriccio di una strage attuata con inaudita efferatezza e furia vendicativa sono ancora vivi.

L’autore ripercorre quel periodo documentando con dovizia di particolari i fatti accaduti, analizzando i quali il lettore arriverà alle sue conclusioni. La verità è sempre figlia del tempo.

L’AUTORE

Antonio Federico Cornacchia, generale dell’Arma dei Carabinieri, è nato nel 1931. Dopo la laurea in Giurisprudenza ha comandato il Nucleo Investigativo CC di Roma, quale comandante della I Sezione e poi del Nucleo Investigativo stesso. Impegnato nella lotta contro il terrorismo, si è occupato del caso Moro, fino alla macabra scoperta del cadavere in via Caetani, del delitto del Circeo, del caso Pasolini, della banda della Magliana e dell’omicidio Pecorelli. A seguito di continue minacce di morte, fu assegnato al Servizio Segreto Militare SISMI, con il nome in codice di Airone 1. Ha già pubblicato per Armando Curcio Editore Giustizia non fatta (2020) e Uccidete Moro (2021).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Stragi di Stato”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PRODOTTI CORRELATI