Le Bambine scomparse dell'Asia

16,90 16,05

2 disponibili (ordinabile)

COD 9788868682866 Categorie , Tag , , ,

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Descrizione

Benché profondamente diverse nella genesi, nella struttura, nell’ordinamento, nella cultura e nelle vicende storiche che sono tanto causa quanto effetto dei tratti distintivi che le caratterizzano, le società cinese e indiana appaiono accomunate da una discutibile prerogativa: il ruolo di assoluta e intransigente subalternità storicamente assegnato alla donna. Relegate di volta in volta − in virtù di tradizioni ata- viche e leggi scritte − nel ruolo di perfide e infide tentatrici o di esseri poco più che senzienti, adatti tutt’al più a servire devotamente il maschio padrone, fanciulle e bambine non sono mai state innalzate al pieno status di esseri umani, rimanendo confinate nel limbo della semplice proprietà, al pari degli oggetti e del bestiame. Poco hanno potuto le aperture di Mao e Nehru contro la discriminazione di genere, che, a partire dalla seconda metà del XX secolo, si è abbattuta con particolare e sistematica veemenza soprattutto su bimbe e neonate: alle «tradizionali» pratiche dell’infanticidio e dell’abbandono, tuttora largamente diffuse in entrambe le nazioni, si sono affiancati l’aborto selettivo e il lucroso − e spesso torbido − mercato delle adozioni internazionali. Cina e India presentano, infatti, un rapporto di genere tra i più bassi al mondo. La riabilitazione della figura femminile, la sua piena collocazione nella vita attiva della nazione, il completo riconoscimento della dignità e dei diritti, oltreché del significativo e insostituibile apporto al benessere del paese, costituiscono oggi una delle maggiori sfide che Cina e India sono chiamate a raccogliere. E, al fine della loro stessa sopravvivenza, a vincere.

AUTORE Gwendolyn Simpson Chabrier, statunitense, ha vissuto negli Stati Uniti e in Francia, per poi stabilirsi a Roma. Dopo aver conseguito il Bachelor of Arts e il Master of Arts presso l’Università di New York, ha studiato letteratura a Harvard e completato il dottorato alla Sorbona di Parigi. Docente presso l’Università di New York, l’Università di Rouen e la Sorbona, è stata a lungo agente lette- rario per conto delle Lebaud Editions di Parigi. È autrice di L’India degli in- toccabili (Premio Nabokov, 2015) e Le famiglie di Faulkner: una saga del Sud (Elle’s Readers Prize, 1988), entrambi editi da Armando Curcio Editore (2015 e 2016), e di Norman Mailer: l’uomo che si proclamò Messia, Un destino asiatico, Dietro il filo spinato (Premio Bancarella Romana, 2010), tradotti in italiano, francese e russo.

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

ISBN

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le Bambine scomparse dell’Asia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Descrizione

Benché profondamente diverse nella genesi, nella struttura, nell’ordinamento, nella cultura e nelle vicende storiche che sono tanto causa quanto effetto dei tratti distintivi che le caratterizzano, le società cinese e indiana appaiono accomunate da una discutibile prerogativa: il ruolo di assoluta e intransigente subalternità storicamente assegnato alla donna. Relegate di volta in volta − in virtù di tradizioni ata- viche e leggi scritte − nel ruolo di perfide e infide tentatrici o di esseri poco più che senzienti, adatti tutt’al più a servire devotamente il maschio padrone, fanciulle e bambine non sono mai state innalzate al pieno status di esseri umani, rimanendo confinate nel limbo della semplice proprietà, al pari degli oggetti e del bestiame. Poco hanno potuto le aperture di Mao e Nehru contro la discriminazione di genere, che, a partire dalla seconda metà del XX secolo, si è abbattuta con particolare e sistematica veemenza soprattutto su bimbe e neonate: alle «tradizionali» pratiche dell’infanticidio e dell’abbandono, tuttora largamente diffuse in entrambe le nazioni, si sono affiancati l’aborto selettivo e il lucroso − e spesso torbido − mercato delle adozioni internazionali. Cina e India presentano, infatti, un rapporto di genere tra i più bassi al mondo. La riabilitazione della figura femminile, la sua piena collocazione nella vita attiva della nazione, il completo riconoscimento della dignità e dei diritti, oltreché del significativo e insostituibile apporto al benessere del paese, costituiscono oggi una delle maggiori sfide che Cina e India sono chiamate a raccogliere. E, al fine della loro stessa sopravvivenza, a vincere.

AUTORE Gwendolyn Simpson Chabrier, statunitense, ha vissuto negli Stati Uniti e in Francia, per poi stabilirsi a Roma. Dopo aver conseguito il Bachelor of Arts e il Master of Arts presso l’Università di New York, ha studiato letteratura a Harvard e completato il dottorato alla Sorbona di Parigi. Docente presso l’Università di New York, l’Università di Rouen e la Sorbona, è stata a lungo agente lette- rario per conto delle Lebaud Editions di Parigi. È autrice di L’India degli in- toccabili (Premio Nabokov, 2015) e Le famiglie di Faulkner: una saga del Sud (Elle’s Readers Prize, 1988), entrambi editi da Armando Curcio Editore (2015 e 2016), e di Norman Mailer: l’uomo che si proclamò Messia, Un destino asiatico, Dietro il filo spinato (Premio Bancarella Romana, 2010), tradotti in italiano, francese e russo.

Informazioni aggiuntive

Autore

Pagine

Formato

ISBN

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le Bambine scomparse dell’Asia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PRODOTTI CORRELATI